Clinica San Francesco Verona – Info

Hai un dubbio su una patologia oppure vuoi chiedere informazioni su un intervento o una visita specialistica?

Visita il sito della Clinica
Prevenzione

Ciclo mestruale alterato e disturbi a causa della menopausa

Disturbi mestruali, o legati alla menopausa trattati con l’agopuntura. Una branca della medicina cinese che ha tradizioni millenarie trova impiego anche nell’ambito ginecologico e ostetrico. La dottoressa Giorgia Oriolesi, medico anestesista della Clinica San Francesco, specializzata in agopuntura, ci ha raccontato per quali esigenze è indicata.

“Rispetto alla medicina occidentale, la medicina cinese ha il vantaggio di valutare l’individuo integralmente, invece di trattare i singoli sintomi – ha premesso la dottoressa Oriolesi – A tal proposito la terapia va costruita su misura in base alle caratteristiche del singolo individuo. Fatta questa premessa importante, l’agopuntura viene utilizzata con successo nel trattamento delle alterazioni del ciclo mestruale e della menopausa”.

Come l’agopuntura può aiutare nel risolvere i problemi legati al ciclo mestruale?

“Le donne che hanno cicli mestruali alterati come ritmo (anticipati, posticipati, irregolari) e come quantità (emorragici o troppo scarsi), cicli dolorosi (dismenorrea), sindrome premestruale, cefalee pre e post mestruali, amenorrea, trovano nella medicina cinese un valido aiuto. Generalmente per questo tipo di patologia l’approccio standard è legato prevalentemente alla somministrazione di farmaci con effetto di attenuazione della sintomatologia, non porta alla risoluzione del problema, che infatti si ripresenta ciclicamente. L’uso dell’agopuntura, oltre a esprimere un’attività antidolorifica e antispastica pari a quella dei farmaci, tanto da attenuare la frequenza e ridurre l’intensità della manifestazione degli episodi dolorosi spesso invalidanti, è anche in grado, da sola o associata ai farmaci standard, di garantire la durata nel tempo degli effetti terapeutici. Sono diversi i meccanismi alla base dell’efficacia dell’agopuntura:

1.  Meccanismi Biochimici: Libera endorfine e altri mediatori bioumorali in grado di attenuare i dolori nella fase di riacutizzazione, nonché di indurre effetti antispastici.

2. Meccanismi Psicologici: L’effetto lievemente sedativo, ansiolitico e decontratturante dell’agopuntura genera:

  • Innalzamento della soglia del dolore
  • Consolidamento dell’effetto decontratturante sulla muscolatura liscia locale.

3. Meccanismi Energetici: secondo il dottrinale della Medicina Tradizionale Cinese, l’agopuntura è in grado di riequilibrare i “ristagni” di energia (che sono la causa del dolore), liberando le vie di scorrimento della stessa e garantendone l’armonico fluire, con effetti prolungati nel tempo.

4. Meccanismi Neurovegetativi: Non può essere escluso, almeno per alcuni punti locali, un effetto legato all’azione sulle terminazioni nervose simpatiche, ancora poco studiato e in parte oscuro, che potrebbe cooperare alla riuscita terapeutica con meccanismi di tipo vaso regolatore e/o stabilizzando la reattività muscolare della zona interessata”.

La menopausa è un periodo difficile per molte donne, che vivono un vero e proprio disagio psicofisico. Quali sono i benefici che si possono ricavare con l’agopuntura?

“L’interruzione definitiva del ciclo mestruale intorno ai 50 anni è un avvenimento naturale. In molte donne la menopausa inizia senza una vera e propria sintomatologia ad eccezione dell’assenza o della irregolarità del flusso. Si percepisce solo come un disagio psicofisico, comune alle fasi di “passaggio” della vita. La donna attraversa un periodo di emotività e di tono energetico più instabile, in attesa di ritrovare un nuovo equilibrio.

In un numero minore di casi invece, l’interruzione del ciclo mestruale si accompagna a sintomi più o meno eclatanti, che possono essere fonte di disagio. Si tratta proprio di una “sindrome da menopausa”, che può richiedere un aiuto terapeutico. I sintomi più comuni, presenti in misura diversa e combinati fra loro diversamente a seconda del caso, sono irregolarità/scomparsa del ciclo, insonnia, secchezza vaginale, diminuzione del desiderio sessuale, senso di instabilità o vertigini, ronzii auricolari, vampate di calore, labilità emotiva, senso di inquietudine e di insicurezza, maggiore stanchezza e propensione all’aumento del peso. I sintomi possono perdurare appena pochi mesi e risolversi spontaneamente, oppure possono protrarsi per diversi anni e non recedere se non con un ausilio terapeutico.

Anche in questi casi, un ciclo di sedute di agopuntura può aiutare a ritrovare un equilibrio ed una sensazione di benessere che ormai si sono perse, aiutando le donne a risolvere quei sintomi che possono peggiorare la qualità della vita, senza necessariamente dover assumere una terapia farmacologica”.